• Dom. Set 26th, 2021

VEDAM

IL POTERE DELLE PAROLE

POSTA DEI LETTORI – Magia e trasformazione della coscienza

 97 total views

foto Wikipedia

Vorrei sapere cosa ne pensa la PSICOLOGIA della magia e della lettura delle carte. E’ possibile predire il futuro? Grazie, Sonia74

La magia è parte integrante del nostro mondo interiore, è quell’aspetto intuitivo e fantastico che risiede nell’emisfero cerebrale destro di tutti gli esseri umani e che rende il vivere quotidiano sempre diverso e sorprendente. Molti psicologi si sono dedicati allo studio dei simboli, degli archetipi e degli arcani dell’arte tarologica, primo fra tutti Carl Gustav Jung, e oggi sappiamo che accanto ai vari stati di coscienza (veglia, sonno, sogno) ne esiste un altro che potremmo definire supercoscienza, cioè quello stato in cui si ricevono intuizioni e talvolta premonizioni, in cui le leggi della logica sembrano essere superate da un altro approccio al reale, più profondo, più globale, più centrato. Uno stato che i grandi Maestri e i Santi di tutte le tradizioni conoscono e praticano da sempre.

Ma come distinguere le intuizioni “giuste” da quelle “sbagliate”? Come riconoscere i veri Maestri, gli autentici “Maghi” che trasformano le coscienze di chi li avvicina da imbroglioni e ciarlatani? Chiunque può sviluppare questi “poteri”? E la tarologia, l’arte della lettura ed interpretazione delle carte, in che modo ci può aiutare?

Innanzitutto, è basilare un approccio etico. Per sviluppare correttamente queste risorse intuitive, occorre partire da una comprensione profonda della legge del Dharma, cioà di quella legge etica universale che sostiene il mondo, fondata sull’Amore, che vieta l’utilizzo di qualunque strumento, fisico e soprattutto psichico, per danneggiare un altro essere vivente.

Poi occorre un’adeguata conoscenza della struttura della psiche, delle sue funzioni e facoltà, e bisogna aver approfondito e realizzato concetti come “destino”, “karma”, “libero arbitrio”, senza lasciarsi sviare dall’entusiasmo iniziale verso un mondo così affascinante ma anche così complesso.

Solo allora si può cominciare al esplorare il mondo della tarologia (termine coniato da A. Jodorowsky per distinguere l’approccio allo studio degli archetipi tarologici dalla mera “cartomanzia”) e interpretare i simboli da essa espressi in forma corretta, meditata, realizzata.

A questo porposito, il centro studi VEDAM organizza a partire dall’8 settembre prossimo, un ciclo di quattro incontri dedicato alla meditazione sui tarots, i 22 arcani maggiori e i 56 minori della tarologia classica, proponendo un percorso di studio alla scoperta di sé stessi e delle proprie origini, un viaggio dell’anima attraverso il mondo dei simboli, dei miti e del sogno.

Programma e date da scaricare qui.

Caterina Carloni

Avatar

Cateca

Caterina Carloni, psicologa e psicoterapeuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *