• Lun. Nov 28th, 2022

VEDAM

IL POTERE DELLE PAROLE

 178 total views

C’era una volta un contadino cinese il cui cavallo era scappato.

Tutti i vicini quella sera stessa si recarono da lui per esprimergli il loro dispiacere: “siamo così addolorati di sentire che il tuo cavallo è fuggito. E’ una cosa terribile”.

Il contadino rispose: “Forse è così”.

Il giorno successivo il cavallo tornò portandosi dietro sette cavalli selvaggi, e quella sera tutti i vicini tornarono e dissero: “Ma che fortuna! Guarda come sono cambiate le cose. Ora hai otto cavalli!”

Il contadino disse: “Forse è così”.

Il giorno dopo suo figlio cercò di domare uno di quei cavalli per cavalcarlo, ma venne disarcionato e si ruppe una gamba, al che tutti esclamarono:“Oh, poveraccio. Questa e’ una vera disdetta” ma ancora una volta il contadino commentò: “Forse è così”.

Il giorno seguente il consiglio di leva si presentò per arruolare gli uomini nell’esercito e il figlio venne lasciato a casa per via della gamba rotta.

Ancora una volta i vicini si fecero intorno per commentare: ”Non è fantastico?” ma di nuovo il contadino disse: “Forse è così”.

Il contadino saggio sa che Bene e Male sono esperienze transitorie, come fortuna e sfortuna.

Per cogliere il vero significato degli eventi occorre una coscienza più ampia e una più profonda comprensione del senso delle cose. La vera gioia non risiede nei fatti che accadono sul piano materiale, ma è situata ad un livello più alto, dove è chiamata ananda, uno dei caratteri propri della forma divina e e dell’esistenza spirituale in sé, insieme a cit, conoscenza, e a sat, eternità.

Cateca


Cateca

Caterina Carloni, psicologa e psicoterapeuta

2 commenti su “La ruota della fortuna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.